Cerca
Close this search box.

Al via la seconda parte del Cortile Teatro Festival: in programma due prime assolute

23 Agosto 2022

27 Agosto 2022

Messina
Area Iris
21:30
10€
cortile teatro festival di messina

La rassegna Cortile Teatro Festival di Messina si prepara ad ospitare due novità assolute delle compagnie messinesi più qualificate in campo nazionale: Carullo-Minasi e QA-Quasianonima produzioni di Auretta Sterrantino.

Gli spettacoli “Umanità nova” della compagnia Carullo-Minasi e “Minima mente blu” scritto e diretto da Auretta Sterrantino, andranno in scena rispettivamente il 23 e il 27 agosto. Entrambi gli appuntamenti sono programmati nell’Area Iris alle ore 21:30.

Cortile Teatro Festival

La prima parte dell’undicesima edizione del Cortile Teatro Festival è andata in scena dall’11 luglio all’1 agosto, con otto spettacoli. Dopo il successo riscosso dalla prima parte della rassegna, il Cortile Teatro Festival dà il via alla seconda parte con un cartellone ricco di eventi, che si svolgeranno dal 4 al 30 agosto fra le location dell’Area Iris e della Tenuta Rasocolmo di Messina.

“Umanità nova” di Carullo-Minasi

Il 23 agosto andrà in scena “Umanità nova, cronaca di una mancata rivoluzione”, drammaturgia di Fabio Pisano, interpretato da Giuseppe Carullo, con la regia di Cristiana Minasi. Lo spettacolo intende farsi portatore dell’importanza della Storia, della sua conoscenza e della sua corretta trasmissione per evitare che i fatti si ripetano senza che li si conosca. Viene narrata la vicenda dei cinque anarchici di Reggio e del conflitto generazionale scatenatosi negli anni Sessanta.

Minima mente blu di Auretta Sterrantino

Il 27 agosto sarà la volta di “Minima mente blu”, interpretato da Giulia Messina. Lo spettacolo ha come sottotitolo “Accordi sintetici per una nudità d’essenza”: partendo dal principio di necessità della “nudità” di fronte a noi stessi e agli altri, si concentra soprattutto sul conflitto che anima l’artista, attraversato dall’ansia di ricerca, dalla tensione verso il Sublime e dalla frustrazione che spesso ne deriva. 

Condividi su