Cerca
Close this search box.
  • Home
  • Messina
  • “PINOCCHIO, 21 illustrazioni, 2002”, la mostra a Capo D’Orlando

“PINOCCHIO, 21 illustrazioni, 2002”, la mostra a Capo D’Orlando

2 Febbraio 2024

23 Febbraio 2024

Capo D'Orlando
Spazio LOC

Ulteriori info sulla pagina Facebook dello Spazio LOC

pinocchio

Nata da una collaborazione con la Fondazione MUDIMA di Milano e con il coinvolgimento dell’Istituto Comprensivo 1 di Capo d’Orlando, si inaugurerà il 2 febbraio alle 17.30, la mostra “PINOCCHIO, 21 illustrazioni, 2002”, a cura di Nino Sottile Zumbo.

Le tavole illustrate, che saranno esposte all’interno dello Spazio LOC di Capo d’Orlando, sono opera del medico e artista barcellonese Francesco De Francesco, che ha voluto raccontare a suo modo la storia del principe dei moderni burattini.

I disegni, a matita, sono un raro modello di precisione e morbidezza, dee così spesso nemiche. A volte, un tocco di colore polarizza l’attenzione sulle figure. L’artista non si limita a tradurre in icone le vicende del romanzo, lo interpreta con libertà. Con rimandi all’arte classica e un riconoscibile, surreale, omaggio a Enrico Mazzanti, primo illustratore del Pinocchio di Collodi, pubblicato in volume dalla Libreria Paggi di Firenze nel 1883.

Ogni tavola, ricca d’episodi, è sigillata col pi greco, segno distintivo di Francesco De Francesco, segno d’armonia, come le sue opere.

Le 21 illustrazioni, create nel 2002, sono state già esposte alla Fondazione Mudima, Milano, 2019; alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, 2022; al Palazzo della Provincia di Bergamo, 2022; alla Biblioteca regionale “Peyo Yavorov”di Burgas (Romania), 2023; e sono raccolte nel libro “Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino” con testo originale di Collodi, a cura di Nino Sottile Zumbo, edito da MUDIMA.

La mostra, come anticipato, vede la collaborazione dell’Istituto Comprensivo I di Capo d’Orlando, diretto dalla Dott.ssa Rosaria Addamo, che ha accolto con entusiasmo la proposta di un laboratorio incentrato sulla figura di Pinocchio, contestualmente ad un approfondimento sulle funzioni di curatore e guida museale.

La mostra resterà aperta fino al 23 febbraio 2024.

Condividi su