Cerca
Close this search box.
  • Home
  • News
  • Miss Italia 2022, selezioni in Sicilia: come partecipare

Miss Italia 2022, selezioni in Sicilia: come partecipare

Miss Italia

Al via l’83esima edizione di Miss Italia, che riprende dopo lo stop imposto dalla pandemia. Saranno 160, otto per regione, le ragazze che si qualificheranno alle prefinali nazionali del concorso di bellezza.

Le selezioni regionali per Miss Italia 2022 sono già iniziate anche in Sicilia. La prima è stata a Barcellona Pozzo di Gotto lo scorso 3 giugno: madrina della serata stata Zeudi Di Palma, Miss Italia 2021. L’ultima selezione sarà il 20 agosto. La prima finale regionale, invece, sarà il 23 luglio e otto aspiranti “Miss” voleranno alle prefinali nazionali.

Come partecipare a Miss Italia 2022

Per partecipare basta compilare il form sul sito dedicato all’evento. Successivamente si verrà contattate per i casting/selezioni locali.

Oltre al titolo di Miss Italia 2022, verranno elette Miss Eleganza, Miss Sorriso, Miss Cinema e, in abbinamento agli sponsor del concorso, Miss Rocchetta Bellezza, Miss Miluna, Miss Sport Givova, Miss Kissimo Biancaluna. Proprio in questi giorni si è aggiunto in marchio Givova, leader nel campo dell’abbigliamento sportivo, collegato a Miss Sport. Tra i partner anche REA Academy.

La manifestazione torna dunque alla normalità pre-Covid e si riappropria del suo rapporto con i territori dopo le ristrettezze degli ultimi due anni.

È un momento straordinario – spiega Patrizia Mirigliani – con le nostre ragazze torneremo presto nelle piazze dei grandi Comuni, nei piccoli borghi, nelle località storiche del Paese, nei luoghi più belli e caratteristici della provincia italiana. Ci riprendiamo il nostro habitat, il nostro palcoscenico naturale, convinti, per quanto ci riguarda, di poter soddisfare le attese delle comunità che vivono e operano nelle singole regioni. Miss Italia – aggiunge la patron – riafferma la semplicità del modello centrato sulla scoperta del talento femminile e sulla bellezza: quella delle candidate, nuova e moderna, e quella del territorio”.

Condividi su